Forse sarà stata una fatto tipic Olandese, il Sudafrica infatti sembra essere l’unico paese al mondo con una propensione a documentare storicamente l’evoluzione dell’industria sia del vino che dei liquori. Nessun enofilo locale che si rispetti ignorerà che il vino fu prodotto per la prima volta il 2 febbraio 1659 grazie al diario di James Van Riebeek, ma non solo. Qualche anno dopo le autorità della VOC, hanno annotato che l’offerta delle bevande era stata ampliata per includere il BRANDY .

La presenza del Brandy nella storia del Sudafrica risale a circa 350 anni fa, iniziato su una nave nel tardo 1600, scopriamo il lungo viaggio di questo spirito.

Nel 1672 in una nave di nome De Pijl , ormeggiata a Table Bay, un cuoco senza nome distillò 1000 litri di vino del capo in 130 litri di Brandy . Nacque così una nuova industria all’estremità meridionale dell’Africa a completamento della fiorente cultura del vino , che ad un secolo dal suo inizio si stava già affermando come una forza dominante nella produzione di elisir di qualità , dal frutto delle vite piantate in suoli appena scoperti , ma geograficamente antichi.

Tuttavia ci sarebbe voluto molto tempo, prima che il Brandy prendesse il posto che gli spetta come prodotti di distinzione di qualità. Noto per il suo caldo, avvolgente fortificante e suadente, per non parlare dell’effetto edificante sulla mente e sull’anima di chi lo beve , grazie alla gradazione alcolica , quattro volte superiore al vino.

I marittimi, come gli Europei del XVII secolo e XVIII secolo, facevano scalo al Capo nei loro lunghi e faticosi viaggi tra i porti del nord e l’estremo Oriente , mostravano una particolare predilezione per il Brandy . La storia vuole che sulle navi della VOC venisse promessa una dose di Brandy al marinaio che avvistava la Table Mountain. La brama del Brandy , accresciuta dallo sforzo e dalle privazioni di alcuni mesi in mare, ai marinai e non solo, che portava ad allegre urla quando la nave si avvicinava a Table Bay, sebbene le urla erano piuttosto che per l’avvistamento della terra, ma per avere una tazza di Brandy .

Si può quindi presumere che dal momento che il capo aveva distillato il proprio Brandy , grazie all’intrepido cuoco a bordo della nave De Piji, l’insediamento della VOC divenne un luogo più allegro. Bar , taverne , lecite, illecite facevano affari d’oro, poiché una quantità sempre più crescente di vino del capo era dedicato alla distillazione del Brandy , dando alla nuova generazione di coloni, alla popolazione indigena, e agli equipaggi delle navi in visita, un liquido forte con cui risollevare gli animi ,liberare la loro innata chiassosità aggiungendo un pò bicolore alla vita nella colonia.

Quando gli Inglesi subentrarono agli Olandesi nel 1795,il Brandy era già documentato insieme al vino, al grano e all’orzo, come bene di base del Capo.

Il capo tornò ad essere Olandese dal 1803 sino alla bonifica da parte degli inglesi nel 1806, e per il secolo successivo vari produttori e commercianti di liquori britannici tentarono di migliorare la qualità di quello che ritenevano ” BOOR BRANDY“, poiché senza alcuna regolamentazione, e linee guida molto scarse nella distillazione di questo Hooch prodotto localmente, noto più per il suo divertimento locale .

Ma poi arrivò un EROE.

Fedele allo spirito pionieristico e visionario di un industria nascente in un paese del nuovo mondo, una persona arrivò per cambiare per sempre il modo in cui il Brandy doveva essere prodotto in sudafrica , creando un eredità su cui si erge ancora oggi l’immagine e lo status del BRANDY DEL CAPO.

L’eroe era RENÉ SANTHAGENS

Fù la sete di liquori nell’arido entroterra settentrionale del sudafrica, che inizialmente portò lo spavaldo belga René nel 1897. Arrivò in risposta ad un annuncio per un posto presso la distilleria dell’imprenditore Sudafricano Samuel Marks . Qui René fu nominato distillatore presso la distilleria dell’imprenditore, Eerste Fabrieken con sede nella fattoria Hatherley vicino , a Pretoria, dove dovette produrre, Brandy, Gin, Whisky e ogni altro tipo di distillato ad alto contenuto alcolico per stuzzicare le gole polverose e risollevare gli animi di migliaia di minatori che cercano fortuna nei giacimenti auriferi del Transvaal.

Ma Renè non era il solito distillatore. Arrivò in SUdafrica con una serie di bollitori e altre attrezzature , ma aveva imparato la sua abilità e sviluppato una passione motivata per l distillazione del vino , nello spirito di qualità che il cognac Francese.

Prima di dirigersi a Sud dell’Europa , aveva accettato l’offerta dell’aristocratico Francese Marchese De Pellerin De La Latouche di lavorare nelle sue fattorie del distretto di Cognac nel Sud est della Francia.Qui Renè ha ampliato le sue conoscenze sulla produzione del vino e del brandy tra i viticoltori, vinificatori e distillatori locali . Durante il suo apprendistato Francese incontrò e si innamorò della figlia del marchese canne che sarebbe diventata sua compagna nonché sostenitrice e consigliera nella ricerca di trasformare il vino nel puro spirito conosciuta come cognac in Francia e Brandy altrove.

Il soggiorno di Renè nel Transval fu interrotto quando scoppio la guerra Anglo Boera nel 1899, e la coppia tornò in Francia per aspettare la fine del conflitto Nel 1903 tornarono in sudafrica e decisero di stabilirsi al Capo dove i vigneti che ricoprivano i pendii, le catene montuose, il clima vinicolo mediterraneo erano più favorevoli alla cultura del vino e del Brandy rispetto ad altre regioni settentrionali del paese. Qui al Capo Renè conobbe l’unico Brandy prodotto nella regione , il cosiddetto KAAPSE DOP ottenuto da bucce d’uva distillate in piccoli bollitori primitivi o in giganteschi alambicchi per il Gin . Era sconvolto.

Questo Brandy conteneva additivi come zuccheri, coloranti e aromi artificiali . Determinato a fare meglio, Renè dedico le sue energie al miglioramento dello standard dei liquori locali e all’introduzione di metodi di produzione adeguati per alla produzione del pregiato brandy .

Aprì un negozio nel 1908 dopo aver acquisito la proprietà Oude Melon accanto al vecchio ruscello ai piedi del Papegaaiberg a Stellenbosch dove oggi si trova Bosman’s Crossing . Con il tempo lui e la sua compagna , trasformarono la semplice casa ad un piano e dal tetto in lamiera in un imponente villa a due piani con il tetto in paglia e un imponente timpano.

Renè iniziò a produrre i suoi brandy in stile francese nel 1910 , diventando il primo uomo in Sudafrica a produrre brandy in sudafrica secondo l’antica tradizione Francese del cognac. E stata la qualità del prodotto , così come la sua influenza personale e il suo impegno per un brandy di alto profilo, a cambiare il livello di questo settore. Il suo Santy’s Premier Brandy, gli portò fama in tutto il sudafrica , e la sua distilleria Santanghen iniziò a prosperare.

TIPI DI BRANDY

BLENDED: Un brandy con minimo il 30% di Pot Still invecchiato per tre anni in botte, mescolato con il 70% di distillato non invecchiato , alcol minimo 43%, è il Brandy ordinario .

VINTAGE : Almeno il 30% di Brandy Pot Still invecchiato oltre 8 anni , 60% di Brandy distillato in colonna invecchiato altrettanto a lungo e massimo il 10% di distillato di vino non invecchiato, alcol minimo 38%

POT STILL : ovvero il Cape Brandy distillato in alambicco discontinuo di rame con invecchiamento minimo di 3 anni, alcol minimo ill 38% e questo è il Brandy più pregiato.

I vitigni impiegati per la distillazione del Brandy sono Colombard e Chenin Blanc

Renè è stato il vero eroe dell’industria del Brandy sudafricano, creando nuovi standard di qualità per il brandy . Il KWV ha deviato il percorso dell’industria della distillazione in SA dal 1918 fornendo ai viticoltori un quadro normativo per la coltivazione dell’uva e per la produzione del vino. KWV insieme a Renè ha formulato la legislazione che è diventata IL WINE AND SPIRITS ACT del 1924che ha promulgato criteri specifici per i regimi di distillazione e maturazione del brandy compresi gli additivi permessi e i processi di fermentazione.

I principi di base che rimangono applicabili fino ad oggi, includono la produzione di un vino secondo le specifiche norme di qualità , richieste per la distillazione di un brandy , poi il vino deve essere distillato due volte in un alambicco di rame , e il distillato risultante limpido deve invecchiare in botti di rovere francese non più grandi di 340 litri per un minimo di tre anni.

OUDE MOLEN E L’INTERO SETTORE DEL BRANDY DEVONO RINGRAZIARE UNA PERSONA PER L’ECCELLENTE LIVELLO DI QUALITÀ PER IL QUALE IL BRANDY SUDAFRICANO È DIVENTATO FAMOSO IN TUTTO IL MONDO, E QUELL’UOMO ÈRENÈ SANTHANGENS

VAN RTYN DISTILLERY

Tornando a Stellenbosch nella regione in qui Renè inizio la sua incursione del mondo del brandy, la distilleria VAN RTYN rappresenta un altro tributo alla qualità del brandy sudafricano . Qui i metodi e i requisiti specifici di produzione devono essere visti come parte di un tour del brandy avvincente e informativo. Pensate che i vasti magazzini della distilleria contengono 30.000 barili di brandy in maturazione . La gamma di Brandy della distilleria comprende Brandy con etichette invecchiate 10, 12, 15 e 20 anni.

La maggior parte dei Brandy sudafricani , viene distillato da uve di Colombard e Chenin Blanc due varietà eccellenti per produrre vini giovani, freschi e a bassa gradazione alcolica utilizzati come base per produrre il brandy . Per ottenere un ottimo brandy la qualità del vino deve essere eccellente. In Sudafrica c’è la fortuna di avere vini bianchi realizzati appositamente per le esigenze di chi ha il piacere di distillare.

Essere nella stanza di stoccaggio con migliaia di botti , e un ricco profumo legnoso e dolce, equivale. sentire l’influenza dell’invecchiamento del legno e dello spirito.

SOUTH AFRICAN BRANDY FOUNDATION

Il Brandy è una filiera che funziona perfettamente . La fondazione funge da collegamento tra l’industria e il governo.

Fondata nel 1984, è un organismo rappresentativo inclusivo, per promuovere l’eccellenza , la versatilità e la qualità dell’offerta di Brandy nel paese. Si tratta di un esempio,di un organizzazione che rappresenta vari produttori e aziende che pur essendo concorrenti sul mercato , lavorano assieme per gestire una piattaforma impegnata nella promozione generica di una delle loro offerte più famose, ovvero il Brandy , che contribuisce all’economia Sudafricana , offrendo anche posti di lavoro, coltivando uve nelle aziende vitivinicole, nella produzione di vino distillato e nei brandy stessi infine. Un altro compito dell’organizzazione è quello di promuovere in modo generico la qualità, la diveristà e la cultura e i tratti intrinsechi della splendida creazione che il Brandy Sudafricano.

Come i vini Sudafricani , i Brandy Sudafricani, sono sorpendemente diversi ognuno dei quali ha caratteristiche individuali diverse , che per gli appassionati equivalgono ad un viaggio meraviglioso alla scoperta di questo mondo.

Il Brandy è un altro volto die della che è la diversità culturale che rende il sudafrica tanto entusiasmante , quanto la categoria di brandy che il paese realizza . Per scoprire questo lato, la BRANDY ROUTE è interessante per gli amanti di questo spirito; il percorso si estende da Worcester , attraverso Robertson, Barrydale , Calitzdorp, Oudtshoorn. Ma troverete alcune distillerie interessanti anche a Stellenbosch per esempio, dove alcune cantine producono un ottimo Brandy, come Boschendal, e Tokara.

OUDE MOLEN DISTILLERY , Grabouw

Se volete vivere un esperienza storica del Brandy, allora non dovete perdervi il tour di un ora nella distilleria Oude Molen, fonata da Renè. Dal 2003 la sede della distilleria è a Grabouw, nella valle di Elgin. originariamente si trovava fuori Stellenbosch.

È qui che sopravvive l’eredità di Renè, nella distilleria che rende omaggio alla sua ex casa di Stellenbosch e alla sua dedizione all’eccellenza nella distillazione del Brandy .

PICCOLA CURIOSITÀ

Il simbolo della distilleria è un Pappagallo, perchè, negli anni che furono, gli abitanti di Stellenbosch, tenevano un piccolo spettacolo annuale in onore di Simon Var Der Stel, e una delle attività principali di questa festa, era una competizione per tiratori scelti , in cui l’obiettivo era un dipinto con un pappagallo. La competizione si teneva proprio vicino alla distilleria Oude Molen , situata ai piedi di una collina nota come ” Papagaiberg” ovvero montagna dei pappagalli. Da qui nacque l’emblema del Pappagallo della distilleria e il moto: TOUCHANT TOJOURS LE BUT , che letteralmente significa ” Sempre nel segno”.

La sua influenza e i suoi metodi sono utilizzati ancora oggi ed è ampiamente considerato il padre del Brandy Sudafricano.

Sudafrica, tante storie, tante passioni che custodiscono l’essenza della nazione e le mille ragioni per la quale vale scoprirla anche attraverso i suoi lati più alcolici e allegri !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

it_ITItaliano